Informativa sull'utilizzo dei cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Accetto

Il popolo e la nazione. Un itinerario nella narrativa di guerra

Secondo un’interpretazione diffusa, il popolo italiano scopre nell’orrore della Grande Guerra il senso di patria, si sacrifica e viene riassorbito nel seno della nazione. La mia tesi è che questa idea derivi dall’immagine ottocentesca dell’esercito e della guerra come fucine della nazione. Il saggio ripercorre di conseguenza la rappresentazione del fante nella narrativa del secondo Ottocento, dalla Vita militare (1867) di De Amicis alla Partenza di un gruppo di soldati per la Libia (1912) di Renato Serra; rilegge quindi l’evoluzione della memorialistica e della narrativa della Grande Guerra tra il 1915 e il 1935 in rapporto all’eredità ottocentesca; rintraccia infine una diversa visione del conflitto negli antifascisti Gramsci e Lussu, secondo cui al fronte il popolo combattente non ha scoperto il senso di patria quanto piuttosto l’incidenza delle disparità sociali.

 

According to a widespread opinion, Italian soldiers discover the concept of the homeland in the tragedy of World War I. My thesis is that this idea comes from a nineteenth-century legacy: the army and the war as origins of the nation. In order to prove it, firstly the essay focuses on soldier’s literary representation in the second half of the Nineteenth Century, from La vita militare (1867) by De Amicis to Partenza di un gruppo di soldati per la Libia (1912) by Renato Serra. Secondly, it compares the WWI narrative (1915-1935) to the nineteenth-century tradition. Finally, it examines the different perspective of two antifascist writers, Antonio Gramsci and Emilio Lussu. According to them, on World War I front, Italian soldiers do not discover homeland but rather social inequality.

 

Acquista il numero di Allegoria 74

Per acquistare l'intero numero della rivista, in formato digitale (PDF), fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Scuolabook nel quale potrai effettuare l'acquisto.

Per acquistare l'intero numero della rivista, in formato cartaceo, fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Palumboeditore dal quale potrai effettuare l'acquisto.

Abbonati alla rivista

Se vuoi abbonarti, o vuoi regalare l'abbonamento alla rivista per un anno, fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Palumboeditore dove potrai richiedere l'abbonamento.

allegoria74

«Natale Pirovano, nato a Besana Brianza nel 1895, combatte sul fronte italiano durante la prima guerra mondiale, viene preso prigioniero all’inizio del 1918 e deportato nel campo di prigionia di Milovice, dove muore il 21 febbraio dello stesso anno a causa di un edema da fame. La cartolina che riportiamo in copertina è di quelle prestampate della Croce Rossa, ha le righe numerate e una intestazione in tedesco, «Nicht zwischen die Zeilen schreiben» (‘Non scrivere tra le righe’). Spedita priva di testo, questa è, in ordine cronologico, l’ultima di un piccolo gruppo di cartoline che Pirovano invia alla famiglia durante il breve periodo trascorso nel campo di prigionia prima della sua morte. Carlo Pirovano, figlio del fratello di Natale, ha condiviso questo materiale sul portale Europeana dedicato alla prima guerra mondiale: http://www.europeana1914-1918.eu/it/contributions/16198».

Tema

Presente

Il libro in questione

Tremila battute