Informativa sull'utilizzo dei cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Accetto

Il tema dell’alcol in Un anno sull’altipiano di Emilio Lussu

Il saggio muove dallo studio quantitativo e qualitativo del tema ricorrente dell’alcol nel libro di Emilio Lussu sulla Grande Guerra, che viene individuato come trans-genere. La ricorrenza del tema fa dell’enorme uso storico delle bevande alcoliche durante la prima guerra mondiale, di cui Lussu fu testimone, una metafora prolungata dell’insensatezza della guerra e, attraverso il significato dell’alcol come una delle merci per eccellenza della modernità, un’allegoria. Attraverso la citazione di Baudelaire, Lussu connette la guerra alla vita alienata della modernità e al suo senso disumano, meccanico e ripetitivo. Infine il saggio mette in discussione il concetto di coscienza nazionale italiana, che sarebbe nata nelle trincee, e definisce la Grande Guerra come una grande sbornia collettiva che sbocca nel fascismo.

 

The essay moves from a quantitative and qualitative study of the recurring theme of alcohol in Emilio Lussu’s book on the Great War, which is identified as a trans-genre. The recurrence of the theme turns the enormous historical use of alcoholic beverages during the First World War, of which Lussu witnessed, into a prolonged metaphor of senselessness of the war and, through the significance of alcohol as one of the goods par excellence of modernity, into an allegory as well. By Baudelaire quote, Lussu connects the war to alienated modern life and its inhumane, mechanical and repetitive pace. Finally, the essay puts into question the concept of Italian national consciousness, assumed to be born in the trenches by historians and critics of World War I in Italy, and defines the Great War as a great collective drunkenness that flows into fascism.

allegoria74

«Natale Pirovano, nato a Besana Brianza nel 1895, combatte sul fronte italiano durante la prima guerra mondiale, viene preso prigioniero all’inizio del 1918 e deportato nel campo di prigionia di Milovice, dove muore il 21 febbraio dello stesso anno a causa di un edema da fame. La cartolina che riportiamo in copertina è di quelle prestampate della Croce Rossa, ha le righe numerate e una intestazione in tedesco, «Nicht zwischen die Zeilen schreiben» (‘Non scrivere tra le righe’). Spedita priva di testo, questa è, in ordine cronologico, l’ultima di un piccolo gruppo di cartoline che Pirovano invia alla famiglia durante il breve periodo trascorso nel campo di prigionia prima della sua morte. Carlo Pirovano, figlio del fratello di Natale, ha condiviso questo materiale sul portale Europeana dedicato alla prima guerra mondiale: http://www.europeana1914-1918.eu/it/contributions/16198».

Tema

Presente

Il libro in questione

Tremila battute