Informativa sull'utilizzo dei cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Accetto

Terra di nessuno. Il Centenario della Grande Guerra in Italia e il difficile rinnovamento dello sguardo pubblico

Il Centenario della Grande Guerra ha rappresentato, quasi ovunque in Europa, l’occasione per un generalizzato rinnovamento delle prospettive storiografiche e dello sguardo pubblico sul conflitto. Al contrario, in Italia la continuità ha sicuramente prevalso sulla discontinuità. Questo giudizio si basa sull’osservazione di almeno tre fenomeni caratteristici del mercato editoriale e del campo degli studi storici. In primo luogo, la rarità (anche se non l’assenza) di opere ambiziose, in grado di rileggere complessivamente la storia d’Italia nel contesto del conflitto europeo. Quindi, la scarsa capacità degli storici italiani di inserirsi veramente nel dibattito internazionale alla luce dei nuovi orizzonti storiografici. Infine, la persistenza di una politica editoriale poco coraggiosa, soprattutto da parte delle case editrici nazionali più importanti, che hanno puntato frequentemente su opere già note (oppure su rielaborazioni giornalistiche, banali ed emotive), senza alcun apparente desiderio di promuovere la conoscenza critica e la ricerca innovativa. Questa resistenza ad un vero rinnovamento generazionale ha avuto delle profonde conseguenze. Tra le prime, la difficile ricezione nel mercato editoriale di un nuovo sguardo sulla storia della guerra italiana, alieno dagli estremismi ideologici che hanno segnato la storiografia della Grande Guerra nell’ultimo mezzo secolo.

 

Almost everywhere in Europe, the Great War Centenary has provided the opportunity for a general turn towards new historiographic perspectives and new public descriptions of the conflict. In contrast, in Italy, there has been a neat predominance of continuity over discontinuity, deductible by the observation of at least three distinctive phenomena in the fields of editorial market and historical studies. In the first place, the shortage (even if it is not complete absence) of far reaching works capable of rereading the whole of Italian history in the context of the European conflict. Then, the poor ability of Italian historians to productively join the international debate in the light of new historiographic horizons. Lastly, the persistence of cautious editorial policies, particularly by paramount publishing houses, which have frequently promoted well known old works (and their journalistic restatement, often simplified and emotional), showing no visible interest in encouraging critical knowledge and innovative research. This resistance to a true generational renewal has had heavy consequences, among which the difficult reception of a fresh point of view on the history of Italian war by the editorial market. A point of view which is free from the defining ideological extremisms common to Great War historiography in the last fifty years.

Acquista il numero di Allegoria 74

Per acquistare l'intero numero della rivista, in formato digitale (PDF), fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Scuolabook nel quale potrai effettuare l'acquisto.

Per acquistare l'intero numero della rivista, in formato cartaceo, fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Palumboeditore dal quale potrai effettuare l'acquisto.

Abbonati alla rivista

Se vuoi abbonarti, o vuoi regalare l'abbonamento alla rivista per un anno, fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Palumboeditore dove potrai richiedere l'abbonamento.

allegoria74

«Natale Pirovano, nato a Besana Brianza nel 1895, combatte sul fronte italiano durante la prima guerra mondiale, viene preso prigioniero all’inizio del 1918 e deportato nel campo di prigionia di Milovice, dove muore il 21 febbraio dello stesso anno a causa di un edema da fame. La cartolina che riportiamo in copertina è di quelle prestampate della Croce Rossa, ha le righe numerate e una intestazione in tedesco, «Nicht zwischen die Zeilen schreiben» (‘Non scrivere tra le righe’). Spedita priva di testo, questa è, in ordine cronologico, l’ultima di un piccolo gruppo di cartoline che Pirovano invia alla famiglia durante il breve periodo trascorso nel campo di prigionia prima della sua morte. Carlo Pirovano, figlio del fratello di Natale, ha condiviso questo materiale sul portale Europeana dedicato alla prima guerra mondiale: http://www.europeana1914-1918.eu/it/contributions/16198».

Tema

Presente

Il libro in questione

Tremila battute