Informativa sull'utilizzo dei cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Accetto

«La più bella delle isole deserte». Il racconto contemporaneo in dodici stanze

Nell’evoluzione del racconto moderno, la Metamorfosi di Kafka occupa un posto unico: costituisce una sorta di cerniera fra una short story genericamente modernista, e le istanze “ontologiche” che, nel corso dell’intero Novecento, quindi nei primi anni Duemila, la trasformeranno in uno dei generi più tipici della narrativa contemporanea. Il saggio indaga questo processo mettendo a fuoco, in esso, soprattutto il cronotopo bachtiniano della “stanza”: un tema ricorrente, un elemento quasi metatestuale che permette di collegare fra loro dodici short stories (da Kafka a Wallace) che scandiscono la trasformazione del genere fino alla letteratura dei nostri giorni.

 

Franz Kafka’s Metamorphosis enjoys a unique place in the evolution of the modern short story: it represents a link between a generically “modernist” tale and the “ontological” instances that, in the whole XX century and then at the beginning of the XXI, will turn it into one of the most typical genres of contemporary narrative. The essay aims to analyse this process by focussing on the Bachtinian chronotope of the “room”. This is a recurring theme, an almost metatextual element allowing the tight connection among the twelve short stories (from Kafka to Wallace) and showing the transformation of the genre until present time literature.

Documento senza titolo

Scarica l'articolo completo

Articolo completo

Fai clic sull'icona del file a lato per scaricare l'articolo completo in formato Acrobat PDF.

Acquista questo articolo

Per acquistare solo questo articolo, fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Casalini nel quale potrai effettuare l'acquisto e scaricare il singolo articolo.

Abbonati alla rivista

Se vuoi abbonarti, o vuoi regalare l'abbonamento alla rivista per un anno, fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Palumboeditore dove potrai richiedere l'abbonamento.

allegoria69-70

Allegoria n.69-70

Memory is the way we keep telling ourselves our stories – and telling other people a somewhat different version of our stories. We can hardly imagine our lives without a powerful ongoing narrative. And under neath all these edited, inspired, self-serving or entertaining sto ries there is, we suppose, some big bulging awful mysterious entity called THE TRUTH, which our fictional stories are supposed to be pok ing at and grabbing pieces of. What could be more interesting as a life’s occupation?

(Alice Munro)

sommario

Di seguito è disponibile l'indice completo del numero diviso per le sezioni tematiche della rivista.
Fai clic su un titolo di sezione per espandere l'indice degli articoli contenuti.

Il tema: Il racconto italiano del secondo Novecento

Teoria e critica

Canone contemporaneo

Tremila battute