Informativa sull'utilizzo dei cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Accetto

Leggendo «Sotto la pioggia»

In questo commento a Sotto la pioggia sono messi in evidenza due punti centrali: l’intricato romance che sottende la poesia e che vi si intravede, e il particolare uso del Tempo. Il saggio tenta di seguire il gioco complesso fra presente e passato, e di evidenziare l’ambiguo nesso ora/allora. Ma segue anche il nesso fra tempo quotidiano e tempo metafisico; e infine quello fra l’istante della rivelazione e l’eternità (modalità baudelairiana) che però coesiste con la presenza della durée (modalità del romanzo modernista). Il testo cela un objet tu, un oggetto taciuto alla Mallarmé, che si rivela attraverso senhals intertestuali e un lessico tecnico musicale che rimanda agli anni della formazione del poeta, gli anni dei suoi studi da cantante: e alla sua emozione di allora.

The essay is a close reading of Sotto la pioggia, which focuses on two main themes: the “romance” that lies behind the poem, and the poem’s peculiar use of Time. The essay examines the complex relationship between present and past,“now” and “then”, between the instant of the revelation and the eternity (a Baudelaire’s mode), the “real” time and metaphysics. All this coexists with the durée (a modernist novel’s mode). The poem hides an objet tu, an unsaid object à la Mallarmé, a girl (his past love) who comes out through intertextual senhals: for instance a musical vocabulary learned by Montale in his first studies as an opera-singer.

Documento senza titolo

Scarica l'articolo completo

Articolo completo

Fai clic sull'icona del file a lato per scaricare l'articolo completo in formato Acrobat PDF.

Acquista questo articolo

Per acquistare solo questo articolo, fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Casalini nel quale potrai effettuare l'acquisto e scaricare il singolo articolo.

Abbonati alla rivista

Se vuoi abbonarti, o vuoi regalare l'abbonamento alla rivista per un anno, fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Palumboeditore dove potrai richiedere l'abbonamento.

allegoria69-70

Allegoria n.69-70

Memory is the way we keep telling ourselves our stories – and telling other people a somewhat different version of our stories. We can hardly imagine our lives without a powerful ongoing narrative. And under neath all these edited, inspired, self-serving or entertaining sto ries there is, we suppose, some big bulging awful mysterious entity called THE TRUTH, which our fictional stories are supposed to be pok ing at and grabbing pieces of. What could be more interesting as a life’s occupation?

(Alice Munro)

sommario

Di seguito è disponibile l'indice completo del numero diviso per le sezioni tematiche della rivista.
Fai clic su un titolo di sezione per espandere l'indice degli articoli contenuti.

Il tema: Il racconto italiano del secondo Novecento

Teoria e critica

Canone contemporaneo

Tremila battute