Informativa sull'utilizzo dei cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Accetto

Sul rapporto con il potere. Sondaggi di realtà in Tabucchi e Sciascia

L’articolo analizza le modalità secondo cui Piazza d’Italia di Tabucchi e Il cavaliere e la morte di Sciascia modellano esperienze referenziali di realtà e le conseguenze che ne derivano per quanto riguarda l’atteggiamento nei confronti del potere e i modi di rappresentarlo. Tabucchi pre senta la storia come risultato di un processo di coerentizzazione e ne mostra il parallelismo dei vari livelli; Sciascia invece presenta la realtà come risultato di divergenti interpretazioni del percepito. Per il primo, la storia di coscienza finzionale sfocia nella tesi dell’ambivalenza storica di un ethos resistenziale ancorato nel popolo; il secondo si serve della contaminazione di generi e registri per smascherare un sistema di potere che grottescamente assume tratti di criminalità organizzata. Nei romanzi si rilevano complessivamente tre tratti distintivi del modellamento dell’esperienza di realtà: una spiccata coscienza, veicolata implicitamente, delle questioni che riguardano la rappresentabi lità narrativa della storia; la tematizzazione delle componenti prospettiche di ogni esperienza di realtà; la messa in scena di modi di percezione della realtà decisamente soggettivi. Ne deriva che le interpretazioni del rapporto con il potere sembrano entrare perfettamente nel paradigma della cultura postmoderna. Li distanzia dal postmoderno, però, il fatto che questi procedi menti s’iscrivono in una netta prospettiva d’impegno civile alla cui base vi è un atteggiamento critico che non rinuncia alla categoria della verità. Anzi, la derealizzazione della realtà si dimostra al servizio di una lucida partecipazione civile che scruta le strutture della stessa realtà e le basi conoscitive della sua rappresentabilità.

The article analyses how Tabucchi’s Piazza d’Italia and Sciascia’s Il cavaliere e la morte shape the experience of a referential reality and the consequent attitude of the two authors towards power and its representation. Tabucchi represents history as the result of a process of coherence-creating, and shows how this process works in parallel at various levels; Sciascia presents reality as the result of differing interpretations of what is perceived. In Tabucchi’s novel, the story of the fictional consciences results in the thesis of an historical ambivalence of the Resistance ethos anchored in the people; Sciascia uses the contamination of genres and registers to expose a system of power whose traits grotesquely resemble those of organized crime. In these novels it is possible to observe three distinctive features of how the experience of reality is shaped: a keen, implicitly conveyed awareness of the issues concerning the narrative representability of history; a focusing on the perspective constituents of each experience of reality; a rendering of the distinctively subjective ways of perceiving reality. The two novels’ interpretation of the relationship with power seems consequently to fit perfectly in the paradigm of postmodern culture; however, what separates them from postmodernism is the fact that their narrative procedures are inscribed in a perspective of civil commitment, based on a critical attitude that does not abandon the category of truth. On the contrary, in these novels the un-realization of reality is put to the service of a civil participation capable of investigating the structures of reality and the cognitive foundations of its representability.

Documento senza titolo

Scarica l'articolo completo

Articolo completo

Fai clic sull'icona del file a lato per scaricare l'articolo completo in formato Acrobat PDF.

Acquista questo articolo

Per acquistare solo questo articolo, fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Casalini nel quale potrai effettuare l'acquisto e scaricare il singolo articolo.

Abbonati alla rivista

Se vuoi abbonarti, o vuoi regalare l'abbonamento alla rivista per un anno, fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Palumboeditore dove potrai richiedere l'abbonamento.

allegoria69-70

Allegoria n.69-70

Memory is the way we keep telling ourselves our stories – and telling other people a somewhat different version of our stories. We can hardly imagine our lives without a powerful ongoing narrative. And under neath all these edited, inspired, self-serving or entertaining sto ries there is, we suppose, some big bulging awful mysterious entity called THE TRUTH, which our fictional stories are supposed to be pok ing at and grabbing pieces of. What could be more interesting as a life’s occupation?

(Alice Munro)

sommario

Di seguito è disponibile l'indice completo del numero diviso per le sezioni tematiche della rivista.
Fai clic su un titolo di sezione per espandere l'indice degli articoli contenuti.

Il tema: Il racconto italiano del secondo Novecento

Teoria e critica

Canone contemporaneo

Tremila battute