Informativa sull'utilizzo dei cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Accetto

Auerbach: una filosofia della storia

Il 15 dicembre 1951 Auerbach scrive a Harry Levin e gli racconta la ricezione di Mimesis in Europa. Si dice contento che i primi giudizi siano benevoli, ma gli dispiace che il libro venga letto per lo più come «una serie divertente di analisi stilistiche», mentre le idee direttive su cui l’opera si fonda rimangono impercepite.

Oggi sappiamo che Mimesis deve una parte considerevole della propria fortuna all’interpretazione che Auerbach non si augurava di ricevere: se il libro figura nei programmi scolastici occidentali, se le sue ristampe si susseguono con ritmo continuo da decenni, ciò accade soprattutto perché Mimesis viene letteralmente fatto a pezzi, usato come una serie di analisi del testo e di riflessioni su problemi isolati.

Ma la lettura che più contribuisce a diffondere l’opera è la stessa che, a mio modo di vedere, ne impoverisce il senso. Contrariamente a un’immagine che si è imposta subito dopo l’uscita del libro e che è ancora comune, Mimesis nasce da premesse molto diverse da quelle su cui di solito si fonda l’explication de texte e la sua versione aggiornata nel quarto e quinto decennio del XX secolo, la critica stilistica.

Documento senza titolo

Scarica l'articolo completo

Articolo completo

Fai clic sull'icona del file a lato per scaricare l'articolo completo in formato Acrobat PDF.

Acquista questo articolo

Per acquistare solo questo articolo, fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Casalini nel quale potrai effettuare l'acquisto e scaricare il singolo articolo.

Abbonati alla rivista

Se vuoi abbonarti, o vuoi regalare l'abbonamento alla rivista per un anno, fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Palumboeditore dove potrai richiedere l'abbonamento.

allegoria56

Allegoria n.56

«Si dovrà certamente riconoscere come il contributo più caratteristico della letteratura del XIX secolo il fatto che quest’epoca abbia tentato per prima di rappresentare l’uomo nell’intera estensione della sua realtà quotidiana.

Soltanto in questo ambito, ovvero nel cosiddetto realismo, l’attività letteraria possiede un legame costantemente vivo con le altre espressioni dell’esistenza degli uomini contemporanei, con la loro scienza, la loro tecnica, la loro economia e con i loro desideri e i pensieri che per lo più li assorbono completamente».

(Erich Auerbach, Romanticismo e realismo)

sommario

Di seguito è disponibile l'indice completo del numero diviso per le sezioni tematiche della rivista.
Fai clic su un titolo di sezione per espandere l'indice degli articoli contenuti.

Il tema: Il secolo di Auerbach

Teoria e critica

Il presente: gli intellettuali oggi

Canone contemporaneo

Il libro in questione

Insegnare letteratura

Tremila battute