Informativa sull'utilizzo dei cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Accetto

La scrittura dell’espatrio (intervista a cura di Giovanna Taviani)

Assia Djebar nasce nel 1936 a Cherchell, in Algeria. Per volontà del padre frequenta la scuola francese e, mentre le giovani cugine rientrano a casa per mettere il velo, lei s’iscrive al liceo. Si trova così a vivere scissa tra due mondi: da una parte il mondo delle donne musulmane rinchiuse nell’harem dai loro guardiani, e dell’arabo, lingua dell’infanzia e dell’intimità; dall’altra quello della scuola e del francese, lingua del colonizzatore, che le permette però di circolare negli spazi vietati della città, le parla di libertà e di “amore”, parola a lungo vietata alle donne dalla cultura araba.

Nel 1955 si trasferisce a Parigi, dove è la prima donna ammessa all’École Normale Supérieure de Sèvres, ma continua a fare la spola tra Francia e Maghreb per ragioni di studio. Nel ’58 è a Tunisi dove conosce Frantz Fanon e dove comincia a lavorare per un giornale locale denunciando il dramma dei rifugiati algerini. Coinvolta nella guerra di liberazione, torna ad Algeri nel 1962, dopo la proclamazione dell’Indipendenza, ma gli anni Ottanta segnano una nuova ondata di violenza da parte degli integralisti islamici e la scrittrice si allontana per sempre dal suo Paese.

Documento senza titolo

Scarica l'articolo completo

Articolo completo

Fai clic sull'icona del file a lato per scaricare l'articolo completo in formato Acrobat PDF.

Abbonati alla rivista

Se vuoi abbonarti, o vuoi regalare l'abbonamento alla rivista per un anno, fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Palumboeditore dove potrai richiedere l'abbonamento.

allegoria56

Allegoria n.56

«Si dovrà certamente riconoscere come il contributo più caratteristico della letteratura del XIX secolo il fatto che quest’epoca abbia tentato per prima di rappresentare l’uomo nell’intera estensione della sua realtà quotidiana.

Soltanto in questo ambito, ovvero nel cosiddetto realismo, l’attività letteraria possiede un legame costantemente vivo con le altre espressioni dell’esistenza degli uomini contemporanei, con la loro scienza, la loro tecnica, la loro economia e con i loro desideri e i pensieri che per lo più li assorbono completamente».

(Erich Auerbach, Romanticismo e realismo)

sommario

Di seguito è disponibile l'indice completo del numero diviso per le sezioni tematiche della rivista.
Fai clic su un titolo di sezione per espandere l'indice degli articoli contenuti.

Il tema: Il secolo di Auerbach

Teoria e critica

Il presente: gli intellettuali oggi

Canone contemporaneo

Il libro in questione

Insegnare letteratura

Tremila battute