Informativa sull'utilizzo dei cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Accetto

Gli intellettuali e la cultura neoconservatrice negli Stati Uniti

A meno di un anno dalla pubblicazione negli Stati Uniti è uscito da Garzanti La nuova America di Samuel P. Huntington, l’autore del più celebre Scontro delle civiltà e il nuovo ordine mondiale: un libro fortunato quanto discusso, e, a mio parere, anche sciagurato perché profetico, visto che, a volte, ciò che si profetizza è, se non l’unica causa, certo una concausa di ciò che si invera.

Nel suo nuovo libro Huntington ci dice che l’America di oggi non è più quella del multiculturalismo. Al massimo nell’America di oggi, statistiche alla mano, si può parlare di bilinguismo, di biculturalismo, e le due culture sono ovviamente quella anglosassone e quella ispanica, ma con la cultura ispanica e la lingua spagnola messe in secondo piano, visti i risultati dei vari referendum che si sono susseguiti dal 1980 al 2002 e che invariabilmente mostrano una tendenza costante nell’America multirazziale e multiculturale a rifiutare il bilinguismo e a mantenere solo l’inglese come lingua ufficiale. 

Parrebbe una fotografia, ma non a noi. A noi pare che il libro di Huntington assieme al multiculturalismo liquidi anche altri importanti tratti della cultura del postmoderno attraverso la riproposizione del modello WASP (Bianco, AngloSassone, Protestante) che veicola attraverso l’antico (mi riferisco alle analisi genealogiche del capitalismo fatte da Sombart, Weber, Tawney) la visione neocapitalista o neoliberista.

Documento senza titolo

Scarica l'articolo completo

Articolo completo

Fai clic sull'icona del file a lato per scaricare l'articolo completo in formato Acrobat PDF.

Acquista questo articolo

Per acquistare solo questo articolo, fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Casalini nel quale potrai effettuare l'acquisto e scaricare il singolo articolo.

Abbonati alla rivista

Se vuoi abbonarti, o vuoi regalare l'abbonamento alla rivista per un anno, fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Palumboeditore dove potrai richiedere l'abbonamento.

allegoria56

Allegoria n.56

«Si dovrà certamente riconoscere come il contributo più caratteristico della letteratura del XIX secolo il fatto che quest’epoca abbia tentato per prima di rappresentare l’uomo nell’intera estensione della sua realtà quotidiana.

Soltanto in questo ambito, ovvero nel cosiddetto realismo, l’attività letteraria possiede un legame costantemente vivo con le altre espressioni dell’esistenza degli uomini contemporanei, con la loro scienza, la loro tecnica, la loro economia e con i loro desideri e i pensieri che per lo più li assorbono completamente».

(Erich Auerbach, Romanticismo e realismo)

sommario

Di seguito è disponibile l'indice completo del numero diviso per le sezioni tematiche della rivista.
Fai clic su un titolo di sezione per espandere l'indice degli articoli contenuti.

Il tema: Il secolo di Auerbach

Teoria e critica

Il presente: gli intellettuali oggi

Canone contemporaneo

Il libro in questione

Insegnare letteratura

Tremila battute