Informativa sull'utilizzo dei cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Accetto

La realtà torna al cinema. Sette interviste a registi e sceneggiatori italiani (a cura di G. Taviani e D. Vicari)

1. Si parla ormai, da più parti, di un mutamento di scenario nella letteratura e nel cinema recenti. Il crollo delle torri gemelle, si dice, avrebbe posto fine al postmoderno. Condivide questa diagnosi? È cambiato qualcosa nel suo modo di fare e di guardare il cinema negli ultimi anni? Le sembra si possa parlare di un ritorno alla realtà?

2. Da Moore ad Al Gore, sono vari i segni di un ritorno al documentario e al cinema-denuncia nel panorama internazionale. Qual è il suo rapporto con questa forma narrativa? Come incide, se incide, nel suo modo di fare cinema?

3. Anche i giovani scrittori italiani, negli ultimi anni, mostrano un nuovo interesse per l’inchiesta e la non-fiction. Sente un legame con questa nuova letteratura? Ritiene che i suoi film debbano esprimere istanze civili o politiche?

4. Recentemente, in occasione di varie ricorrenze, si è parlato di nuovo di Rossellini, Visconti, De Sica. Esiste secondo lei un legame tra il nuovo cinema e il neorealismo? Qual è il suo rapporto personale con quella tradizione?

5. Nel cinema e nella narrativa contemporanea il riavvicinamento a temi sociali e politici sembra affiancarsi ad una rinnovata considerazione per i generi, che pure aveva già caratterizzato il postmoderno. Ha un ruolo nel suo cinema il racconto di genere? Se sì, quale?

Documento senza titolo

Scarica l'articolo completo

Articolo completo

Fai clic sull'icona del file a lato per scaricare l'articolo completo in formato Acrobat PDF.

Acquista questo articolo

Per acquistare solo questo articolo, fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Casalini nel quale potrai effettuare l'acquisto e scaricare il singolo articolo.

Abbonati alla rivista

Se vuoi abbonarti, o vuoi regalare l'abbonamento alla rivista per un anno, fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Palumboeditore dove potrai richiedere l'abbonamento.

allegoria57

Allegoria n.57

È finito il postmoderno? Stiamo assistendo, in letteratura e al cinema, a un ritorno alla realtà, dopo decenni di ripiegamenti metalinguistici e ironie manieristiche?

Che spazio possono avere le forme del realismo di fronte all’irrealismo dei media?

Sta nascendo un nuovo impegno? Scrittori, registi e critici italiani fra i trenta e i quarant’anni riflettono sul significato del romanzo e del cinema di oggi.

sommario

Di seguito è disponibile l'indice completo del numero diviso per le sezioni tematiche della rivista.
Fai clic su un titolo di sezione per espandere l'indice degli articoli contenuti.

Il tema: Ritorno alla realtà? Narrativa e cinema alla fine del postmoderno

Il presente

Canone contemporaneo

Il libro in questione

Insegnare letteratura

Tremila battute

Repliche