Informativa sull'utilizzo dei cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Accetto

Nuovi realismi e persistenze postmoderne: narratori italiani di oggi

A partire dagli anni Novanta, il panorama della narrativa internazionale ha iniziato a mutare. Gli scrittori che si sono imposti, come José Saramago (1922), Alice Munro (1931), Mordecai Richler (1931-2001), Philip Roth (1933), Abraham Yehoshua (1936), Amos Oz (1939), John M. Coetzee (1940), Edmund White (1940), Michael Cunningham (1952), Jonathan Franzen (1959), Ingo Schulze (1962), per più aspetti Michel Houellebecq (1958 o 1956) o, ancora, Jonathan Littell (1967), sembrano aver liquidato il postmoderno.

 I più vecchi se ne sono tenuti sempre lontani: la loro produzione ha attraversato i decenni precedenti dimostrando che se il postmoderno era una dominante culturale, non copriva però tutto l’orizzonte; i più giovani esordiscono confrontandosi con problemi di altro ordine. Neppure manca chi, pur essendo stato uno dei protagonisti del postmodernism, sembra intenzionato ad attraversarlo, se non a congedarsene: Underworld e Falling Man, che Don DeLillo pubblica nel 1997 e nel 2007, non possono essere letti solo con le categorie che servono a interpretrare Mao II o Libra.

Le parole d’ordine dei decenni precedenti, e che da Lyotard a Jameson sono state individuate per tracciare il campo di una nuova condizione e di un nuovo sensorio, hanno smesso di esercitare il loro primato. In una certa misura, questi scrittori non ci parlano dello stesso mondo che ci viene narrato da Pynchon o da Doctorow, e neppure da DeLillo o da Rushdie; senza dubbio, la loro attenzione sulla contemporaneità è di una qualità diversa: pone al centro l’esperienza di personaggi credibili, ritratti nella loro piena complessità psicologica e nel mezzo di rapporti e conflitti sociali e morali. La vita quotidiana è tornata ad essere lo scenario in cui si misura, in modo problematico e senza garanzie, la ricerca dei valori collettivi e il senso dei destini individuali.

Documento senza titolo

Scarica l'articolo completo

Articolo completo

Fai clic sull'icona del file a lato per scaricare l'articolo completo in formato Acrobat PDF.

Acquista questo articolo

Per acquistare solo questo articolo, fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Casalini nel quale potrai effettuare l'acquisto e scaricare il singolo articolo.

Abbonati alla rivista

Se vuoi abbonarti, o vuoi regalare l'abbonamento alla rivista per un anno, fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Palumboeditore dove potrai richiedere l'abbonamento.

allegoria57

Allegoria n.57

È finito il postmoderno? Stiamo assistendo, in letteratura e al cinema, a un ritorno alla realtà, dopo decenni di ripiegamenti metalinguistici e ironie manieristiche?

Che spazio possono avere le forme del realismo di fronte all’irrealismo dei media?

Sta nascendo un nuovo impegno? Scrittori, registi e critici italiani fra i trenta e i quarant’anni riflettono sul significato del romanzo e del cinema di oggi.

sommario

Di seguito è disponibile l'indice completo del numero diviso per le sezioni tematiche della rivista.
Fai clic su un titolo di sezione per espandere l'indice degli articoli contenuti.

Il tema: Ritorno alla realtà? Narrativa e cinema alla fine del postmoderno

Il presente

Canone contemporaneo

Il libro in questione

Insegnare letteratura

Tremila battute

Repliche