Informativa sull'utilizzo dei cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Accetto

Inventare il vero. Il rischio del reale nel nuovo cinema italiano

Da qualche tempo sembra che il cinema italiano stia attraversando una fase nuova, ormai fuori da quel clima di disincanto critico e di scollamento dalla realtà che ha caratterizzato i nostri ultimi decenni. La presente inchiesta nasce dal desiderio di verificare questa sensazione; in primo luogo l’idea di un ritorno alla realtà – che il postmoderno dava per estinta – e ad uno sguardo nuovo, volto a raccontare la storia del nostro paese.

Con una premessa: nel cinema, a differenza che nella letteratura, non vi è stato un dibattito teorico sul postmoderno; o, meglio, il postmoderno, come ideologia e come dominante culturale, non è mai esistito. Parlare di ritorno alla realtà significa solo tentare di registrare un cambiamento di clima culturale; prendere atto di una nuova istanza realistica, nella scelta dei soggetti, nel linguaggio, nel modo di concepire il cinema, dopo anni di autoreferenzialità e di evasione dal mondo.

Una nuova istanza realistica che non ha niente a che vedere con il ritorno ad un approccio mimetico e naturalistico nei confronti del reale. Il realismo è la forma artistica della verità, dichiarava già Rossellini; e quando anni più tardi Pasolini affermava di amare più la realtà che la verità, Fortini gli ricordava che l’interpretazione è già nella rappresentazione e che il dovere di chi riceve la realtà è, appunto, interpretarla, mutarla in verità.

Come a dire che la verità non è mai verosimile e che la scelta di come inquadrare un ritaglio di realtà implica già in sé un lavoro di interpretazione, che non può che trasformarla e, in ultimo, reinventarla.

Documento senza titolo

Scarica l'articolo completo

Articolo completo

Fai clic sull'icona del file a lato per scaricare l'articolo completo in formato Acrobat PDF.

Acquista questo articolo

Per acquistare solo questo articolo, fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Casalini nel quale potrai effettuare l'acquisto e scaricare il singolo articolo.

Abbonati alla rivista

Se vuoi abbonarti, o vuoi regalare l'abbonamento alla rivista per un anno, fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Palumboeditore dove potrai richiedere l'abbonamento.

allegoria57

Allegoria n.57

È finito il postmoderno? Stiamo assistendo, in letteratura e al cinema, a un ritorno alla realtà, dopo decenni di ripiegamenti metalinguistici e ironie manieristiche?

Che spazio possono avere le forme del realismo di fronte all’irrealismo dei media?

Sta nascendo un nuovo impegno? Scrittori, registi e critici italiani fra i trenta e i quarant’anni riflettono sul significato del romanzo e del cinema di oggi.

sommario

Di seguito è disponibile l'indice completo del numero diviso per le sezioni tematiche della rivista.
Fai clic su un titolo di sezione per espandere l'indice degli articoli contenuti.

Il tema: Ritorno alla realtà? Narrativa e cinema alla fine del postmoderno

Il presente

Canone contemporaneo

Il libro in questione

Insegnare letteratura

Tremila battute

Repliche