Informativa sull'utilizzo dei cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Accetto

Il reale è razionale, ma non sempre

Anche circoscrivendo il tema a un superamento dell’età postmoderna, il confronto tra letteratura e cinema è, su una rivista letteraria, molto difficile. Il cinema ha uno statuto incerto e ancora più incerto è lo statuto degli studi cinematografici. Soprattutto, toccherebbe agli studiosi fare certe analisi e temo che anche su questo il nostro cinema sia in gravissimo ritardo.

Non mi sembra che gli studi di settore propongano grandi analisi d’approfondimento né che diano una qualche chiarificazione di metodo e di merito. Ecco allora che un regista come me si ritrova immediatamente nei guai, perché non ha la strumentazione critica necessaria per affrontare un compito così delicato. Per questo, preferisco mettere le mani avanti e dichiarare immediatamente che quella che segue è una riflessione molto personale, senza alcuna pretesa di scientificità; quasi uno sfogo o un appello.

Non è inutile ricordare che la mediazione tra uno scrittore e un editore si dispiega e si esaurisce sulla pagina scritta; mentre il cineasta prima di arrivare in sala di montaggio deve fare i conti con una serie infinita di passaggi che Fellini descriveva più o meno così: «un film non è altro che la degenerazione continua ed inesorabile dell’idea originaria». La descrizione non si discosta molto dalla verità. Il regista diventa allora un folle che cerca di dare un senso a questa degenerazione.

Documento senza titolo

Scarica l'articolo completo

Articolo completo

Fai clic sull'icona del file a lato per scaricare l'articolo completo in formato Acrobat PDF.

Acquista questo articolo

Per acquistare solo questo articolo, fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Casalini nel quale potrai effettuare l'acquisto e scaricare il singolo articolo.

Abbonati alla rivista

Se vuoi abbonarti, o vuoi regalare l'abbonamento alla rivista per un anno, fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Palumboeditore dove potrai richiedere l'abbonamento.

allegoria57

Allegoria n.57

È finito il postmoderno? Stiamo assistendo, in letteratura e al cinema, a un ritorno alla realtà, dopo decenni di ripiegamenti metalinguistici e ironie manieristiche?

Che spazio possono avere le forme del realismo di fronte all’irrealismo dei media?

Sta nascendo un nuovo impegno? Scrittori, registi e critici italiani fra i trenta e i quarant’anni riflettono sul significato del romanzo e del cinema di oggi.

sommario

Di seguito è disponibile l'indice completo del numero diviso per le sezioni tematiche della rivista.
Fai clic su un titolo di sezione per espandere l'indice degli articoli contenuti.

Il tema: Ritorno alla realtà? Narrativa e cinema alla fine del postmoderno

Il presente

Canone contemporaneo

Il libro in questione

Insegnare letteratura

Tremila battute

Repliche