Informativa sull'utilizzo dei cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Accetto

Paul Newman e Don Lisander

Quando il giudice lo invita a tenere la sua arringa l’avvocato rimane immobile, trasognato, come se pensasse ad altro. Si alza, lentamente, solo dopo uno spazientito richiamo: ma esita ancora a prendere la parola. Tanta incertezza è più che giustificata. Il risultato del dibattimento è stato disastroso: l’unica testimonianza a favore, benché umanamente persuasiva, è stata respinta con decisione dal giudice per un errore di forma, e stralciata dal verbale.

L’avvocato, che ormai da anni frequenta più le bettole che le aule dei tribunali, aveva rifiutato, ingenuamente sicuro del fatto suo, di patteggiare contro un avversario agguerritissimo (e sleale), uno degli studi legali più prestigiosi di Boston, che rappresentava un grande ospedale di proprietà della Curia. Poi, trovandosi a corto di testi e di prove, se n’era pentito; ma non aveva più potuto sottrarsi al processo. La causa, ora, appare perduta.

Non so bene per quale motivo, rigirandomi fra le mani un’edizione scolastica dei Promessi sposi, mi sia venuto in mente il finale di un film di Sidney Lumet che parla di tutt’altro argomento. Forse qualcuno l’avrà riconosciuto, perché si tratta di uno dei migliori court-room movies della storia del cinema: Il verdetto (The verdict), uscito nel 1982, tratto da un omonimo romanzo di Barry Reed, e insignito l’anno seguente di cinque Golden Globes (e altrettante nomine per l’Oscar).

Documento senza titolo

Scarica l'articolo completo

Articolo completo

Fai clic sull'icona del file a lato per scaricare l'articolo completo in formato Acrobat PDF.

Acquista questo articolo

Per acquistare solo questo articolo, fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Casalini nel quale potrai effettuare l'acquisto e scaricare il singolo articolo.

Abbonati alla rivista

Se vuoi abbonarti, o vuoi regalare l'abbonamento alla rivista per un anno, fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Palumboeditore dove potrai richiedere l'abbonamento.

allegoria57

Allegoria n.57

È finito il postmoderno? Stiamo assistendo, in letteratura e al cinema, a un ritorno alla realtà, dopo decenni di ripiegamenti metalinguistici e ironie manieristiche?

Che spazio possono avere le forme del realismo di fronte all’irrealismo dei media?

Sta nascendo un nuovo impegno? Scrittori, registi e critici italiani fra i trenta e i quarant’anni riflettono sul significato del romanzo e del cinema di oggi.

sommario

Di seguito è disponibile l'indice completo del numero diviso per le sezioni tematiche della rivista.
Fai clic su un titolo di sezione per espandere l'indice degli articoli contenuti.

Il tema: Ritorno alla realtà? Narrativa e cinema alla fine del postmoderno

Il presente

Canone contemporaneo

Il libro in questione

Insegnare letteratura

Tremila battute

Repliche