Informativa sull'utilizzo dei cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Accetto

Immaginario e critica tematica: un dibattito

Il ritorno della critica tematica, dopo gli interdetti dapprima della scuola crociana e poi tanto di quella formalistica e strutturalista quanto di quella marxista, ha costituito la caratteristica più evidente dell’ultimo ventennio, altrimenti segnato da un diffuso eclettismo.

Vi sono confluite, soprattutto all’inizio, le tendenze antiscientifiche e antistrutturaliste – per esempio, la coscienza della difficoltà o della impossibilità di definire la nozione di specificità letteraria sino alla sua negazione – così come le ideologie postmoderniste dell’intertestualità infinita, del ritorno ai miti fondativi, agli archetipi junghiani e a una sorta di antropologia di tipo neoplatonico. A poco a poco, tuttavia, a mano a mano che le ideologie postmoderniste sono entrate in un cono d’ombra, si è fatto sempre più valere, seppure in modo quasi sempre assai “primitivo” e confuso, un bisogno di “ritorno alla realtà” dopo i trionfi della metaletteratura e della intertestualità.

Il new historicism americano, i cultural studies, i gender studies, gli studi postcoloniali, la riduzione della letteratura a documento di una grammatica del potere politico o dei rapporti fra i sessi – tutti fenomeni contraddistinti dalla centralità di una ricerca per temi – sono andati in questa direzione. Infine la critica tematica e tematologica (la necessità di una distinzione fra i due termini è stata più volte ribadita nel corso del dibattito) è diventata una moda, un indirizzo perseguito quasi per forza d’inerzia, la via più facile negli anni dell’eclettismo dilagante e della “crisi della critica”.

Documento senza titolo

Scarica l'articolo completo

Articolo completo

Fai clic sull'icona del file a lato per scaricare l'articolo completo in formato Acrobat PDF.

Abbonati alla rivista

Se vuoi abbonarti, o vuoi regalare l'abbonamento alla rivista per un anno, fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Palumboeditore dove potrai richiedere l'abbonamento.

allegoria58

Allegoria n.58

«È necessario, capisce? In tutto questo la sofferenza umana non deve contare niente». «Sì, ma comunque qualcosa conta».

Era questo che non riuscivo ad afferrare: l’enorme, assoluta sproporzione tra la facilità con cui si può uccidere e la grande fatica che si deve fare a morire. Per noi era un’altra sporca giornata di lavoro; per loro la fine di tutto.

(Jonathan Littell, Le Benevole)

sommario

Di seguito è disponibile l'indice completo del numero diviso per le sezioni tematiche della rivista.
Fai clic su un titolo di sezione per espandere l'indice degli articoli contenuti.

Il tema: La critica tematica oggi

Teoria e critica

Il presente

Canone contemporaneo

Il libro in questione

Insegnare letteratura

Tremila battute