Informativa sull'utilizzo dei cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Accetto

Per una tematologia ermeneutica. Sul Dizionario dei temi letterari

La pubblicazione del Dizionario dei temi letterari rappresenta il coronamento di una stagione della critica italiana che ha conosciuto un’ampia diffusione della critica tematica. Seppur accompagnata da una premessa metodologica volutamente scarna ed ellittica, nella sua architettura complessiva e nella realizzazione delle voci specifiche l’opera fornisce implicitamente lo spunto per ulteriori riflessioni su una pratica critica che ancora non ha trovato una definizione teorica condivisa e che sembra necessitare un riordinamento interno che chiarisca quali siano le sue aporie, opportunità e soprattutto finalità.

Alcune questioni fondamentali per definire la concezione di studio tematico avanzata dal dizionario possono essere messe a fuoco partendo dall’analisi di un singolo tema come quello del cavallo, inseritovi con una certa dose di coraggio, considerato il suo storico utilizzo (Spitzer, Jakobson) come paradigma negativo per stigmatizzare, o persino ridicolizzare, la critica tematica da parte dei suoi detrattori.

Nella ricognizione cronologica omnicomprensiva, che va da Omero fino al cinema e alla tv degli ultimi decenni, il cavallo diventa nelle singole opere in cui compare, citando letteralmente: segno di civiltà o simbolo di libertà, segno divino, simbolo di forza, tema centrale nell’articolazione della guerra, simbolo di saggezza, simbolo d’inganno, simbolo di potere, di vari aspetti dell’animo umano nella tradizione favolistica, segno della potenza militare straniera, simbolo della carne e delle speranze mondane, simbolo di oppressione e di morte ma anche del giudizio finale, ecc. (DTL, I, 402-403).

Documento senza titolo

Scarica l'articolo completo

Articolo completo

Fai clic sull'icona del file a lato per scaricare l'articolo completo in formato Acrobat PDF.

Abbonati alla rivista

Se vuoi abbonarti, o vuoi regalare l'abbonamento alla rivista per un anno, fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Palumboeditore dove potrai richiedere l'abbonamento.

allegoria58

Allegoria n.58

«È necessario, capisce? In tutto questo la sofferenza umana non deve contare niente». «Sì, ma comunque qualcosa conta».

Era questo che non riuscivo ad afferrare: l’enorme, assoluta sproporzione tra la facilità con cui si può uccidere e la grande fatica che si deve fare a morire. Per noi era un’altra sporca giornata di lavoro; per loro la fine di tutto.

(Jonathan Littell, Le Benevole)

sommario

Di seguito è disponibile l'indice completo del numero diviso per le sezioni tematiche della rivista.
Fai clic su un titolo di sezione per espandere l'indice degli articoli contenuti.

Il tema: La critica tematica oggi

Teoria e critica

Il presente

Canone contemporaneo

Il libro in questione

Insegnare letteratura

Tremila battute