Informativa sull'utilizzo dei cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Accetto

Critica tematica e tematologia: paradossi e aporie

Una cosa è certa: negli ultimi venticinque anni circa, la critica tematica, in tutte le sue molteplici forme, si è presa una sorprendente rivincita contro gli anatemi idealisti e strutturalisti. Una rivincita tanto più notevole, in quanto imprevedibile: quasi nessuno, alla fine degli anni Settanta, sarebbe stato disposto a scommettere su un ritorno d’interesse per i temi, tante e tanto solide erano state, nei vent’anni precedenti, le argomentazioni teoriche volte a screditare definitivamente un approccio critico debitore, si diceva, del più ingenuo positivismo contenutista.

La cosa più curiosa, in questo ritorno ai temi, è precisamente che quelle obiezioni teoriche (in buona parte, almeno) non sono state superate, ma semplicemente accantonate. I critici hanno ricominciato, soprattutto in Italia, a fare critica tematica, un po’ come gli scrittori hanno ricominciato a confezionare romanzi ben fatti, con la massima naturalezza: quasi fingendo di ignorare le ragioni – forse tendenziose, ma certamente non peregrine o irrilevanti – che avevano mandato in crisi un metodo, se così si può definire, di ascendenza ottocentesca (o, per proseguire il parallelo, le certezze artigianali del romanzo tradizionale).

Non c’è da stupirsi, perciò, se appare impossibile ricondurre il ritorno della critica tematica a un quadro teorico chiaro e condiviso. Guidata di volta in volta dalle predilezioni del singolo studioso, e molto spesso da un empirismo di buon senso, la ricerca sui temi appare come un filone eteroclito, non come una coerente metodologia.

Documento senza titolo

Scarica l'articolo completo

Articolo completo

Fai clic sull'icona del file a lato per scaricare l'articolo completo in formato Acrobat PDF.

Acquista questo articolo

Per acquistare solo questo articolo, fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Casalini nel quale potrai effettuare l'acquisto e scaricare il singolo articolo.

Abbonati alla rivista

Se vuoi abbonarti, o vuoi regalare l'abbonamento alla rivista per un anno, fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Palumboeditore dove potrai richiedere l'abbonamento.

allegoria58

Allegoria n.58

«È necessario, capisce? In tutto questo la sofferenza umana non deve contare niente». «Sì, ma comunque qualcosa conta».

Era questo che non riuscivo ad afferrare: l’enorme, assoluta sproporzione tra la facilità con cui si può uccidere e la grande fatica che si deve fare a morire. Per noi era un’altra sporca giornata di lavoro; per loro la fine di tutto.

(Jonathan Littell, Le Benevole)

sommario

Di seguito è disponibile l'indice completo del numero diviso per le sezioni tematiche della rivista.
Fai clic su un titolo di sezione per espandere l'indice degli articoli contenuti.

Il tema: La critica tematica oggi

Teoria e critica

Il presente

Canone contemporaneo

Il libro in questione

Insegnare letteratura

Tremila battute