Informativa sull'utilizzo dei cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Accetto

Archetipo e sopravvivenza. Due modelli per lo studio dell’immaginario

Esiste davvero qualcosa come la critica tematica? Il rasoio di Occam suggerirebbe di no. Se ogni atto critico è un atto interpretativo, e se nessun atto interpretativo può fare a meno di un investimento tematico (e cioè dell’interrogazione sui legami che connettono l’argomento e il senso di un’opera), allora ogni critica è tematica e non c’è alcuna necessità di postulare un nuovo ente tautologico e superfluo.

Se si parla da una ventina di anni a questa parte di “ritorno della critica tematica” è solo per una comprensibile rappresaglia contro la sottovalutazione del piano del contenuto che un ventesimo secolo a dominante formalista aveva terroristicamente imposto agli studiosi. Oggi si rischia semmai l’eccesso opposto – tutto il potere al contenuto, e la forma nel ripostiglio degli attrezzi –, ma si sa come funzionano i corsi e i ricorsi delle mode culturali.

Il prezzo è senz’altro un momentaneo regresso in termini di raffinatezza delle procedure e degli strumenti di analisi, ma può valere la pena di pagarlo in cambio di una nuova immissione di sangue rosso, di una rinnovata volontà di chiedere alla critica un pronunciamento sui rapporti che corrono tra letteratura e realtà umana.

Se è vero che c’è nell’approccio “tematico” qualcosa di regressivo rispetto alla sofisticatezza delle analisi formali cui ci aveva abituato la migliore critica del Novecento, è perché esso ci riporta in qualche modo indietro, al bivio da cui si dipartono (o forse confluiscono) linguaggio e mondo, testo e contesto, enunciato e referente. Ci riporta, più precisamente, a ciò che letteratura e cultura hanno in comune. A buon diritto perciò l’immaginario è diventato la parola d’ordine della ricerca letteraria di questi anni.

Documento senza titolo

Scarica l'articolo completo

Articolo completo

Fai clic sull'icona del file a lato per scaricare l'articolo completo in formato Acrobat PDF.

Acquista questo articolo

Per acquistare solo questo articolo, fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Casalini nel quale potrai effettuare l'acquisto e scaricare il singolo articolo.

Abbonati alla rivista

Se vuoi abbonarti, o vuoi regalare l'abbonamento alla rivista per un anno, fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Palumboeditore dove potrai richiedere l'abbonamento.

allegoria58

Allegoria n.58

«È necessario, capisce? In tutto questo la sofferenza umana non deve contare niente». «Sì, ma comunque qualcosa conta».

Era questo che non riuscivo ad afferrare: l’enorme, assoluta sproporzione tra la facilità con cui si può uccidere e la grande fatica che si deve fare a morire. Per noi era un’altra sporca giornata di lavoro; per loro la fine di tutto.

(Jonathan Littell, Le Benevole)

sommario

Di seguito è disponibile l'indice completo del numero diviso per le sezioni tematiche della rivista.
Fai clic su un titolo di sezione per espandere l'indice degli articoli contenuti.

Il tema: La critica tematica oggi

Teoria e critica

Il presente

Canone contemporaneo

Il libro in questione

Insegnare letteratura

Tremila battute