Informativa sull'utilizzo dei cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Accetto

La critica come educazione (a cura di A. Nucifora)

È per me un grande piacere essere qui e inaugurare un ciclo di lezioni dedicate ad un così grande educatore. Sono stato parecchio incerto sull’impostazione da dare a questo intervento, poiché se è vero che, forse un po’ incautamente, sono entrato a far parte di un comitato scientifico che si occupa di letteratura per l’infanzia, di fatto non ho ancora mai preso parte agli incontri del comitato e forse per questo ho la sensazione di non essere ancora in grado di affrontare l’argomento con la dovuta preparazione.

Posso d’altro canto affermare che io stesso in prima persona ho incominciato a credere alle mie teorie critiche solo quando ho iniziato a vederne le potenziali applicazioni al livello di istruzione elementare. In un mio libro, pubblicato più di vent’anni fa, scrivevo che la letteratura non è un soggetto davvero coerente se non allorché i suoi principi elementari possono essere spiegati ad un qualsiasi diciannovenne intelligente.

Da allora, Buckminster Fuller ha affermato che se un principio primo non può essere compreso da un bambino di sei anni, esso non può essere considerato davvero un principio primo, e forse questa affermazione é persino più corretta della mia. La mia posizione riguardo all’età in cui una persona è in grado di comprendere i principi elementari della letteratura è andata orientandosi nel corso degli ultimi venti anni verso una soglia sempre più bassa.

Documento senza titolo

Scarica l'articolo completo

Articolo completo

Fai clic sull'icona del file a lato per scaricare l'articolo completo in formato Acrobat PDF.

Acquista questo articolo

Per acquistare solo questo articolo, fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Casalini nel quale potrai effettuare l'acquisto e scaricare il singolo articolo.

Abbonati alla rivista

Se vuoi abbonarti, o vuoi regalare l'abbonamento alla rivista per un anno, fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Palumboeditore dove potrai richiedere l'abbonamento.

allegoria58

Allegoria n.58

«È necessario, capisce? In tutto questo la sofferenza umana non deve contare niente». «Sì, ma comunque qualcosa conta».

Era questo che non riuscivo ad afferrare: l’enorme, assoluta sproporzione tra la facilità con cui si può uccidere e la grande fatica che si deve fare a morire. Per noi era un’altra sporca giornata di lavoro; per loro la fine di tutto.

(Jonathan Littell, Le Benevole)

sommario

Di seguito è disponibile l'indice completo del numero diviso per le sezioni tematiche della rivista.
Fai clic su un titolo di sezione per espandere l'indice degli articoli contenuti.

Il tema: La critica tematica oggi

Teoria e critica

Il presente

Canone contemporaneo

Il libro in questione

Insegnare letteratura

Tremila battute