Informativa sull'utilizzo dei cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Accetto

La crisi dell’università, i tagli del governo e l’eccezione umanistica

Chiunque studi o lavori nell’università italiana dovrebbe leggere il libro di Roberto Perotti, L’università truccata, pubblicato da Einaudi proprio mentre cominciavano ad infuriare le polemiche sulla politica del governo Berlusconi in materia di istruzione scolastica ed universitaria.

Dovrebbe farlo non solo perché è una delle poche, coraggiose e non pretestuose denunce dei vizi del nostro sistema universitario, ma anche perché indica alcune soluzioni per uscire dalla crisi. Che si sia d’accordo oppure no con l’autore, ciò che dice merita di essere discusso con la massima serietà, perché tocca i veri nodi della questione. A cosa è dovuta la crisi dell’università italiana? Secondo Perotti, a tre cause: il nostro è un sistema troppo oneroso per la collettività, che per sua stessa natura alimenta clientelismi e nepotismi, e che può vantare una scarsa produttività scientifica rispetto ad altri Paesi europei (non si dice degli USA).

Nel libro sono argomentati accuratamente tutti e tre i punti e, salvo forse il primo (non sarebbe vero, secondo Perotti, che l’università è sottofinanziata), è difficile non essere d’accordo.

Documento senza titolo

Scarica l'articolo completo

Articolo completo

Fai clic sull'icona del file a lato per scaricare l'articolo completo in formato Acrobat PDF.

Abbonati alla rivista

Se vuoi abbonarti, o vuoi regalare l'abbonamento alla rivista per un anno, fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Palumboeditore dove potrai richiedere l'abbonamento.

allegoria59

Allegoria n.59

Più la necessità viene ad essere socialmente sognata, più il sogno diviene necessario.

Lo spettacolo è il cattivo sogno della moderna società incatenata, che non esprime in definitiva se non il proprio desiderio di dormire.

Lo spettacolo è il guardiano di questo sonno.

(Guy Debord, La Società dello Spettacolo)

sommario

Di seguito è disponibile l'indice completo del numero diviso per le sezioni tematiche della rivista.
Fai clic su un titolo di sezione per espandere l'indice degli articoli contenuti.

Teoria e critica

Il presente - Chiusura e assedio del presente

Canone contemporaneo

Il libro in questione

Insegnare letteratura

Tremila battute

Repliche