Informativa sull'utilizzo dei cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Accetto

Il titolo della "Commedia" e l'Epistola a Cangrande

• L’articolo propone, su basi testuali, l’ipotesi che Commedia o Comedìa non sia il titolo del poema dantesco, bensì un segnale di stile o di genere. Un titolo definitivo forse non fu mai dato: in effetti, in buona parte dei manoscritti più antichi compaiono solo le indicazioni Inferno, Purgatorio, Paradiso. Queste considerazioni vengono impiegate per trovare nuove prove contro l’autenticità dell’Epistola a Cangrande, almeno nella forma attualmente nota.

• The purpose of this article is to demonstrate that Commedia or Comedìa is not the authentic title of Dante’s poem, but only a signal about its style or genre. A definitive title perhaps doesn’t exist: in fact, in a large number of the most ancient manuscripts we can read only indications such as Inferno, Purgatorio, Paradiso. These remarks are employed to find new proofs against the authenticity of the Epistola a Cangrande, at least in the actual form.

Documento senza titolo

Scarica l'articolo completo

Articolo completo

Fai clic sull'icona del file a lato per scaricare l'articolo completo in formato Acrobat PDF.

Acquista questo articolo

Per acquistare solo questo articolo, fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Casalini nel quale potrai effettuare l'acquisto e scaricare il singolo articolo.

Abbonati alla rivista

Se vuoi abbonarti, o vuoi regalare l'abbonamento alla rivista per un anno, fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Palumboeditore dove potrai richiedere l'abbonamento.

allegoria60

Allegoria n.60

L'arte ci consente di espandere la nostra particolare comprensione delle cose costringendoci ad assumere la prospettiva a entrare nel mondo di un altro essere umano concreto.

Questo modo concreto di prestare attenzione rispondere all'esperienza dell'altro essere costituisce - afferma il narratore - la sola via attraverso cui possiamo uscire da noi stessi e avere accesso ad altri “paesaggi”.

E in questo processo raggiungiamo anche una conoscenza di noi stessi che non potrebbe essere raggiunta altrimenti.

(Martha Nussbaum)

sommario

Di seguito è disponibile l'indice completo del numero diviso per le sezioni tematiche della rivista.
Fai clic su un titolo di sezione per espandere l'indice degli articoli contenuti.

Il tema: narrativa e vita psichica

Teoria e critica

Canone contemporaneo

Tremila battute