Informativa sull'utilizzo dei cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Accetto

Hanna Serkowska - "Dopo il romanzo. La storia nella letteratura italiana"

[Metauro, Pesaro 2012]

Frutto di una lunga e appassionata ricerca, l’ultimo, corposo libro di Hanna Serkowska fornisce un ricco contributo al campo degli studi sul romanzo italiano novecentesco, non solo storico. Entro l’arco cronologico di un sessantennio (compreso tra il 1948 e il 2008), l’analisi ricopre un vasto repertorio di testi fiction e non fiction, dedicati, in forme diverse, alla perlustrazione narrativa della storia italiana. Si va da Anna Banti, letta attraverso la doppia lente dell’«archeologia femminista» e dell’«anti-Risorgimento », a Tabucchi e Stajano, Flaiano e Brizzi, Sciascia e Morante, Consolo e Eco, Vassalli e Deaglio, setacciati alla luce di precisi nodi tematici, prospettati dall’autrice come veri e propri «anelli», e cioè come i momenti più forti e più controversi del nostro recente passato storico: il Risorgimento, il fascismo, il colonialismo, la Resistenza, gli anni di piombo, il Sessantotto.

L’ermeneutica testuale è sistematicamente supportata da una ricognizione ampia e puntuale del dibattito critico sul romanzo storico, soprattutto italiano. Il libro si prospetta, pertanto, come una rigorosa sintesi panoramica e, insieme, come una meditata proposta originale.

Il discorso è animato dall’idea per cui lo spazio letterario si ponga, nel Novecento, come uno dei terreni più fertili, anche rispetto alla storiografia, per affrontare le pagine oscure o rimosse della storia contemporanea. Anche se non più caratterizzato dal desiderio di «comportarsi da storici», l’inarrestabile interesse degli scrittori per la cronaca dei fatti palesa la fiducia in quel carattere «didascalico e moraleggiante» che rende il romanzo a sfondo storico il genere più «idoneo ad accogliere forme di impegno o attenzione verso il mondo extraestetico, con occhio ben fisso sul presente, mentre si rivisita il passato».

Il Novecento si prospetta, così, come un secolo che difende il valore di verità della letteratura, rivendicandone la capacità di intervento non solo sull’ermeneutica, ma persino, forse, sul farsi stesso della storia. Ne deriva che il romanzo storico, «piuttosto che un genere» sia, per Serkowska, «una variante genologica, una struttura di livello inferiore rispetto al genere letterario propriamente detto». Si tratta di un «modulo tematico», che comprende «frutti di metamorfosi, di incrocio, di ibridazione», intessendo «una serie di giochi con la convenzione codificata nel secolo decimonono».

Tali giochi conservano la tradizione, e tuttavia la innovano e rinnovano incessantemente. Per le scritture fondate sull’intreccio tra letteratura e storia, il paradigma ottocentesco è un presupposto insieme imprescindibile e dinamico. Il «dopo» del titolo, qui, non allude alla separazione di una fine, ma enfatizza il moto perpetuo di un’energetica rigenerazione.

allegoria65-66

Allegoria n.65-66

La crisi della critica ha molte facce e coinvolge contemporaneamente lo statuto della disciplina, con le sue implicazioni ideologiche, le istituzioni nelle quali essa viene praticata e trasmessa (università, scuola, editoria, giornalismo), la condizione sociale di chi la esercita. Anche per questo, la consapevolezza che della crisi hanno i critici varia a seconda del punto di vista. Quale che sia la posizione di ciascuno, non si può dubitare che una ragione di crisi è la scarsa opportunità di confronto autentico; e che ogni spazio o ragione di dialogo e di scambio collaborano a dare un senso e una legittimità al nostro lavoro.

sommario

Di seguito è disponibile l'indice completo del numero diviso per le sezioni tematiche della rivista.
Fai clic su un titolo di sezione per espandere l'indice degli articoli contenuti.

Il tema: La critica letteraria oggi

Teoria e critica

Il presente

Canone contemporaneo

Il libro in questione

Tremila battute