Informativa sull'utilizzo dei cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Accetto

Edward W. Said, "Orientalismo" (1978)

Marco Gatto

• Il saggio ricostruisce le fondamentali acquisizioni teoriche del libro di Said, soffermandosi, in particolare, sul rapporto che l’autore intrattiene con la tradizione filosofica di matrice strutturalista e materialista. Pur evidenziandone i meriti, l’autore pone in risalto una serie di contraddizioni che spingono a riconsiderare criticamente il lavoro saidiano.

• The essay recontructs the most important theoretical effects of Said’s Orientalism, with a particular attention reserved to the relations between the Palestinian intellectual and the philosophical tradition of structuralism and materialism. In spite of the remarkable value of the book, the author underlines some of its contradictions in a critical reconsideration of Said’s work.

 

Stefano Guerriero

Orientalismo è certo l’opera di Said che ha avuto la ricezione più dirompente, ma per comprenderne pienamente il valore e la componente ancora viva nell’attuale discorso critico è necessario collocare il saggio nella “carriera” del suo autore, guardando retrospettivamente da Umanesimo e critica democratica (2004) l’articolato percorso che ha le sue tappe maggiori in Beginnings (1975), The World, the Text, and the Critic (1983), Cultura e imperialismo (1993), e Orientalismo stesso.

Orientalism is surely the most influent among Said’s works, but in order to fully understand its value, and what in its lesson may be still alive, it is necessary to place the book in the “career” of his author, by looking retrospectively from Humanism and Democratic Criticism (2004) to his complex intellectual journey, which has among its milestones Beginnings (1975) The World, the Text, and the Critic (1983), Culture and Imperialism (1993) and obviously Orientalism (1978) itself.

Documento senza titolo

Scarica l'articolo completo

Articolo completo

Fai clic sull'icona del file a lato per scaricare l'articolo completo in formato Acrobat PDF.

Acquista questo articolo

Per acquistare solo questo articolo, fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Casalini nel quale potrai effettuare l'acquisto e scaricare il singolo articolo.

Abbonati alla rivista

Se vuoi abbonarti, o vuoi regalare l'abbonamento alla rivista per un anno, fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Palumboeditore dove potrai richiedere l'abbonamento.

allegoria67

Allegoria n.67

Academics have lost touch with the, shall we say, existential density of real human life, and they talk in these jargons.

E.W. Said, Wild Orchids and Trotsky:
Messages from American Universities

sommario

Di seguito è disponibile l'indice completo del numero diviso per le sezioni tematiche della rivista.
Fai clic su un titolo di sezione per espandere l'indice degli articoli contenuti.

Il tema: Lotta politica e riflessione estetica in Edward W. Said

Il presente

Canone contemporaneo

Tremila battute

Repliche