Informativa sull'utilizzo dei cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Accetto

La biofiction. Teoria, storia, problemi

Il saggio esamina preliminarmente la produzione saggistica internazionale sulla biografia finzionale (biofiction), privilegiando il dibattito francese e nordamericano e individuando i principali problemi teorici e storiografici di questo genere ibrido (il concetto di fiction e la sua relazione con il discorso fattuale, le genealogie e le funzioni della biofiction, i rapporti con la cultura postmoderna). Nelle pagine successive è proposta una tipologia su base narratologica e quindi è discusso il problema della referenzialità. Il saggio si chiude con l’analisi di alcune biofiction italiane postmoderne e ipermoderne.

The paper gives a preliminary examination of the international essayistic production about fictional biography (biofiction), with a particular focus on French and North American debates, and try to identifies some main theoretical and historiographical problems connected with this hybrid genre (e.g. the concept of fiction and its relation with factual discourse, genealogies and functions of the biofiction, relations with postmodern culture). Subsequently, the essay proposes a typology on the basis of narratological criteria, and then deals with the problem of referentiality. The paper ends with the analysis of some postmodernist and hypermodernist italian biofictions.

Documento senza titolo

Scarica l'articolo completo

Articolo completo

Fai clic sull'icona del file a lato per scaricare l'articolo completo in formato Acrobat PDF.

Abbonati alla rivista

Se vuoi abbonarti, o vuoi regalare l'abbonamento alla rivista per un anno, fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Palumboeditore dove potrai richiedere l'abbonamento.

allegoria77

  Come i giochi del bambino, la letteratura apre uno spazio immaginario fondato sulla sospensione o neutralizzazione della differenza tra vero e falso, uno spazio in cui vige il diritto di rispondere al piacere dell’immaginario. L’apertura stessa di un tale spazio costituisce una formazione di compromesso tra le istanze opposte del reale e dell’irreale. Questa ipotesi sulla letteratura in generale vale doppiamente per la letteratura con temi soprannaturali, un ambito che abbiamo già definito due volte immaginario.

Francesco Orlando.

 

Teoria e critica

Canone contemporaneo

Il libro in questione

Insegnare letteratura

Tremila battute