Informativa sull'utilizzo dei cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Accetto

Giuseppe Episcopo - L’eredità della fine. «Gravity’s Rainbow» di Thomas Pynchon e «Horcynus Orca» di Stefano D’Arrigo

[Franco Cesati Editore, Firenze 2016]

Fin dalla Poetica aristotelica la critica riflette sul ruolo che la storia svolge all’interno della finzione narrativa. Questo complesso rapporto viene esasperato dalla letteratura postmoderna al punto tale da ingenerare opere nelle quali il commento agli eventi storici, tralignando dall’intreccio narrativo, determina notevoli mutazioni sul piano dell’orchestrazione del racconto.

Attraverso l’analisi di una notevole bibliografia scientifica, L’eredità della fine di Giuseppe Episcopo tenta un’indagine sul «perpetuo presente spaziale» (passim) che occupa Gravity’s Rainbow di Thomas Pynchon e Horcynus Orca di Stefano D’Arrigo. Dopo aver esaminato le principali teorie del neostoricismo novecentesco, l’autore constata che la dialettica relazione tra la contemporaneità del tempo della narrazione e la non-contemporaneità dei riferimenti contestuali è di capitale importanza per salvaguardare il legame tra la finzione narrativa e il materiale che questa raccoglie. Il «sistema formale e metastorico» (p. 29) che ne deriverebbe costituisce una garanzia storiografica delle esperienze dei personaggi (p. 94). Infatti, secondo Episcopo, ad agire nelle vicende di ’Ndrja Cambria e di Slothrop è soprattutto «la qualità del presente» (passim), un tempo che viene da un lato presentificato dalla storia e dall’altro acquisito attraverso la rappresentazione del vissuto dei protagonisti. In tal senso il mito, violando la consequenzialità degli eventi, assume un importante ruolo nella definizione di Gravity’s Rainbow e di Horcynus Orca quali capolavori postmoderni (pp. 69-79).

Nelle strategie narrative di Pynchon e di D’Arrigo si fa strada sempre un oscuro testimone del tempo della rappresentazione, sia che esso venga evocato attraverso il “bric-à-brac” della «scrivania di Slothrop» (pp. 81-94) sia che rientri nelle vertiginose esperienze visive di ’Ndrja e dei pescatori cariddoti (pp. 161-177). Nel resoconto dell’anti-eroe postmoderno è inscritto un intervallo cronologico che, se pure limitato, evoca epoche e momenti diversi della vicenda. In sostanza, leggendo Gravity’s Rainbow e Horcynus Orca, il lettore è proiettato in uno spazio che, se pure definito, è perennemente descritto in continua trasformazione lungo la catena degli episodi storici allusivamente richiamati (pp. 161-166). Per ognuno dei due romanzi, Episcopo non solo legittima la relazione necessaria che insiste tra lo spazio e il tempo, ma la giustifica richiamando l’impaginazione linguistico-stilistica delle parole di Slothrop e di ’Ndrja (p. 61, pp. 57-65). Così, secondo l’autore, il plot diverrebbe la manifestazione del tempo esperienziale dei personaggi, reificando, simultaneamente, intervalli che variano dal piano della storia al piano della società mediatica, culturale e folklorica dei protagonisti di Gravity’s Rainbow e di Horcynus Orca.

allegoria77

  Come i giochi del bambino, la letteratura apre uno spazio immaginario fondato sulla sospensione o neutralizzazione della differenza tra vero e falso, uno spazio in cui vige il diritto di rispondere al piacere dell’immaginario. L’apertura stessa di un tale spazio costituisce una formazione di compromesso tra le istanze opposte del reale e dell’irreale. Questa ipotesi sulla letteratura in generale vale doppiamente per la letteratura con temi soprannaturali, un ambito che abbiamo già definito due volte immaginario.

Francesco Orlando.

 

Teoria e critica

Canone contemporaneo

Il libro in questione

Insegnare letteratura

Tremila battute