Informativa sull'utilizzo dei cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Accetto

Tra antefatti e frammenti. Sul primo Raboni

L’autore affronta alcune questioni relative al rapporto tra l’attività critica e l’attività poetica in Giovanni Raboni, prendendo le mosse dai due saggi Frammenti di un saggio su Ezra Pound e Frammenti sulla poesia italiana del secondo dopoguerra, contenuti nel volume Poesia italiana negli anni Sessanta (1976). Alla luce di quanto Raboni nota a proposito di T.S. Eliot e E. Pound, l’articolo sottolinea alcune caratteristiche della raccolta poetica Le case della Vetra (1966).

The author investigates some aspects of the relationship between the activity both as a critic and as a poet of Giovanni Raboni, starting from the analysis of the two essays Frammenti di un saggio su Ezra Pound and Frammenti sulla poesia italiana del secondo dopoguerra, both published in the book Poesia italiana negli anni Sessanta (1976). Considering what Raboni noticed on T.S. Eliot and E. Pound, the article underlines some peculiarities of the poetic collection Le case della Vetra (1966).

Acquista il numero di Allegoria 76

Per acquistare l'intero numero della rivista, in formato digitale (PDF), fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Scuolabook nel quale potrai effettuare l'acquisto.

Per acquistare l'intero numero della rivista, in formato cartaceo, fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Palumboeditore dal quale potrai effettuare l'acquisto.

Abbonati alla rivista

Se vuoi abbonarti, o vuoi regalare l'abbonamento alla rivista per un anno, fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Palumboeditore dove potrai richiedere l'abbonamento.

allegoria76

  «Non sono le necessità della riproduzione biologica a determinare l’organizzazione simbolica della divisione sociale del lavoro, e successivamente, di tutto l’ordine naturale e sociale; è piuttosto una costruzione arbitraria del biologico, e in particolare del corpo, maschile e femminile, dei suoi usi e delle sue funzioni, soprattutto nella riproduzione biologica, a offrire un fondamento in apparenza naturale alla visione androcentrica della divisione del lavoro sessuale e della divisione sessuale del lavoro, quindi di tutto il cosmo».

Pierre Bourdieu, Il dominio maschile.

 

Teoria e critica

Canone contemporaneo

Il libro in questione

Il presente

Tremila battute