Informativa sull'utilizzo dei cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Accetto

Alla ricerca della concretezza perduta. Riflessioni su educazione linguistica ed educazione letteraria a margine della polemica sull’«appello dei 600»

1. Scatole cinesi

I dibattiti e le polemiche – certo con più evidenza da quando esistono i social network, ma a ben guardare da sempre – sono a volte giochi di scatole cinesi, in cui i contesti interpretativi impazziscono.

La polemica sull’«appello dei 600» non ha fatto eccezione. Bisogna dire che il la al discordo è stato dato dal contenuto stesso dell’appello, molto confuso, perché mescolava senza distinzione problemi di apprendimento linguistico, di disciplina e “serietà”, di valutazione, di tenuta del sistema scolastico. Da questo iniziale passo falso, però, si è arrivati allo scontro tra Reazione e Progresso.

Ma nel caso del dibattito sull’apprendimento della lingua, il discorso è aggravato da una confusione originaria, che data agli Sessanta e Settanta, quando si è cominciato a parlare di educazione linguistica. I corto circuiti che da allora ci accompagnano sono, schematicamente, questi: sovradeterminazione politica delle pratiche didattiche, per cui ci sarebbero pratiche di destra e pratiche di sinistra; sovrapposizione, per non dire perfetta coincidenza, tra educazione linguistica, inclusione sociale, partecipazione alla vita democratica; confusione tra teoria e prassi, per cui si rimuove la differenza costitutiva tra prescrizioni magari sensate al livello della scienza linguistica ma non sempre facili da applicare sul terreno della didassi.

In questo quadro rimettere ordine non è facile. Le vecchie questioni…

allegoria76

  «Non sono le necessità della riproduzione biologica a determinare l’organizzazione simbolica della divisione sociale del lavoro, e successivamente, di tutto l’ordine naturale e sociale; è piuttosto una costruzione arbitraria del biologico, e in particolare del corpo, maschile e femminile, dei suoi usi e delle sue funzioni, soprattutto nella riproduzione biologica, a offrire un fondamento in apparenza naturale alla visione androcentrica della divisione del lavoro sessuale e della divisione sessuale del lavoro, quindi di tutto il cosmo».

Pierre Bourdieu, Il dominio maschile.

 

Teoria e critica

Canone contemporaneo

Il libro in questione

Il presente

Tremila battute