Informativa sull'utilizzo dei cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Accetto

Valeria Cavalloro - L’utopia, la pubblicità e la morte: dove sta andando YouTube

Tra il 2017 e il 2018 l’improvvisa crisi degli inserzionisti passata alla cronaca come Adpocalypse ha portato YouTube dall’essere il secondo sito più frequentato del pianeta fino a sfiorare le soglie del fallimento. Per la quantità e la complessità dei rapporti di forza che ha reso espliciti in uno spazio di tempo così breve, questo episodio offre un esempio eccellente delle contraddizioni che attraversano lo spazio culturale dei nostri giorni: illumina le dinamiche interne che questa gigantesca entità virtuale intrattiene con i suoi utenti fornendo uno spaccato di quella nuova regione dell’economia che è costituita dal lavoro culturale online; rende osservabile il conflitto tra le esigenze degli spazi pubblici di parola e la loro dipendenza da un modello pubblicitario che interviene con gesti di censura; materializza la lotta che l’avvento di un nuovo soggetto culturale scatena nel campo simbolico e ci interroga sul futuro della rete come area discorsiva in bilico tra regimi privati e dimensione pubblica.

In 2017-2018 an unforeseen crisis of advertising, commonly known as Adpocalypse, brought YouTube from being the second largest website on the planet all the way down to the edge of bankruptcy. This episode managed to display such a large and complex balance of power that it can be analysed as an excellent example of the many contradictions inhabiting today’s cultural sphere: it highlights the unclear relationship between this huge virtual subject and its users, and in so doing it offers a cross section of what it means to work in the cultural sector on online media; it also makes visible the conflict between the needs of public discourse spaces and their crippling dependency on the economic support of advertisers, who are able to steer them with acts of censorship; finally, it embodies the conflict that a new cultural medium always sparks in the symbolic field and urges us to reflect thoroughly on the future of web spaces as a discursive area suspended between private administration and public dimension.

Documento senza titolo

Scarica l'articolo completo

Articolo completo

Fai clic sull'icona del file a lato per scaricare l'articolo completo in formato Acrobat PDF.

Abbonati alla rivista

Se vuoi abbonarti, o vuoi regalare l'abbonamento alla rivista per un anno, fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Palumboeditore dove potrai richiedere l'abbonamento.

allegoria78

L'università italiana (ma europea in genere) negli ultimi vent'anni ha assistito a un profondo mutamento della sua identità L'organizzazione non religiosa più sedentaria e immobile della storia occidentale si modifica: è naturale pertanto che tutti provino a spingerla in una specifica direzione.

Massimiliano Tortora, L'università italiana tra compiti e mission.

 

Teoria e critica

Il presente

Repliche

Tremila battute