Informativa sull'utilizzo dei cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Accetto

Antonio Saccone - "«Qui vive / sepolto / un poeta». Pirandello, Palazzeschi, Ungaretti, Marinetti e altri"

[Liguori, Napoli 2008]

Sepolto in una fossa comune, accanto al cadavere di qualche infame, Parini è restituito alla vita, nel noto carme foscoliano, proprio dalla scrittura. Forma, destino e funzione del soggetto poetico risorgono, si ricongiungono e ritrovano un’integrità in nome di una sacralità che la letteratura può ancora rifondare. La modernità primonovecentesca – ma il discorso ovviamente rimonta a Baudelaire – procede in direzione contraria a questo risarcimento, perché assume la perdita d’aureola come ormai consumata; in molti casi, forse nei migliori, ciò accade in modo sentimentale e umoristico anziché ingenuo, ovvero secondo una consapevole rielaborazione del lutto compiuta senza vittimismo, o nostalgia.

Tutto questo è stato spesso discusso e catalogato dentro le coordinate del senso della fine e della letteratura “postuma”: che viene cioè dopo la morte e, schiacciandosi tutta sul senso della perdita, da un lato evoca posture oracolari e lamentose poco accostabili ai dinamismi dell’ironia novecentesca; dall’altro lato rimanda a un concetto di linearità e di sintesi che le avanguardie – non solo il futurismo – semmai incendiano: per ricominciare, piuttosto che per finire.

È qui, nella proposta di questo insieme di motivi come prospettiva di lettura dominante, che vive uno degli aspetti più interessanti del libro di Antonio Saccone. Recuperando i famosi versi palazzeschiani come insegna dell’edificio abitato, oltre che dal poeta, dalla scrittura critica, l’autore batte da subito l’accento sulla vitalità paradossale del discorso letterario che sceglie – malgrado tutto c’è una scrittura che decide – di fare i conti con l’assenza di una funzione sociale riconosciuta o, per dirla in altro modo, con una disfunzione acquisita. Pirandello, Palazzeschi e Ungaretti sono gli autori al centro del libro, e ad essi sono dedicati i capitoli più belli; alle pagine sull’originalità dello stile si alterna, in reciproco dialogo, lo studio comparatistico (Ariosto e Cervantes per Pirandello; Dante, Petrarca, Gòngora, Leopardi, Bergson, Marinetti per Ungaretti), e una speciale attenzione ai testi saggistici che stanno dietro all’esercizio creativo.

A far da ponte tra le diverse opere è l’immagine del paradosso pronunciato dal fondo di un baratro. Che si tratti di qualcuno sepolto dentro una biblioteca, come nel caso del Fu Mattia Pascal, o sepolto, recluso in una villa, come il poeta palazzeschiano, o ancora sepolto sotto il mare, come il porto che dà il titolo alla prima raccolta ungarettiana, ogni volta c’è una memoria cancellata e riattivatasi in un «qui» che, piuttosto che il tempo e lo spazio, indica, per via di stacchi, l’essenzialità di un vuoto.

Gli ultimi due saggi del volume, dedicati a Rea e a Bassani, spostano la metafora del titolo su un piano più sociologico; ricostruendo il dibattito dell’epoca si cerca infatti di restituire attenzione e vita – operazione più che sensata, soprattutto per Bassani – a opere che le polemiche neovanguardiste contro l’ideologia del «romanzo ben fatto» avevano a suo tempo tentato di seppellire con un’esecuzione sommaria, usando categorie feticcio che in buona misura neppure la cultura della letteratura postuma potrebbe ormai difendere.

allegoria75

Copertina75.jpg

  «A fine 1984, dopo che una ventina di editori americani lo avevano rifiutato, Il sistema periodico esce in America: editore Schocken Books, traduzione di Raymond Rosenthal (onore al merito, ricordiamo questi nomi). Sulla jacket, sulla sovraccoperta del libro (la parola inglese è più bella) erano stampati tre brevi giudizi elogiativi: si mettono sempre, per fare pubblicità con un nome famoso che il pubblico americano già conosca e apprezzi. Tutti e tre quei giudizi erano di scrittori italiani: Italo Calvino, Umberto Eco, Natalia Ginzburg. Sarebbero bastati? si sarà chiesto l’editore. Sono stati loro a innescare la fortuna di Levi negli USA? ci possiamo domandare noi, oggi 2017. La risposta la sappiamo: non fu merito loro. Fu che, per un caso fortuito (uno di quei casi che ti possono salvare la vita, come prendersi la scarlattina in Auschwitz proprio quando i nazisti hanno deciso di evacuare il campo trascinando tutti i prigionieri sani in una marcia durante la quale i quattro quinti di loro moriranno, stremati o fucilati), Saul Bellow, americano di origine ebraica, Nobel per la letteratura nel 1976, notorio cattivo carattere, lesse in bozze The Periodic Table e dettò non più di cinque-sei righe di praise che cominciarono a circolare, si direbbe oggi, in modo virale (a circolare per giornali, agenzie stampa, mezzi di comunicazione: da notare che quelle cinque-sei righe non sono stampate sulla jacket del libro), e bastarono a creare un caso editoriale, un pubblico di lettori, una fortuna critica».

Domenico Scarpa

Di seguito è disponibile l'indice completo del numero diviso per le sezioni tematiche della rivista.
Fai clic su un titolo di sezione per espandere l'indice degli articoli contenuti.

Teoria e critica

Il presente

Il libro in questione

Insegnare letteratura

Tremila battute