allegoriaonline.it

rivista semestrale

anno XXXIII - terza serie

numero 83

gennaio/giugno 2021

Cristina Savettieri – Jonathan Littell, Le Benevole

Sono due gli echi che risuonano nell’incipit delle Benevole di Jonathan Littell: quello della Ballade des pendus di François Villon e quello di un altro ben noto attacco, Au Lecteur, che apre con un diabolico patto tra lettore e autore Les Fleurs du Mal. Se il vocativo «Fratelli umani» della Ballata chiede pietà per i morti (ma Aue, voce narrante, non lo è ancora), il richiamo a Baudelaire impone il riconoscimento della somiglianza tra chi racconta e chi legge, necessario per addentrarsi in un viaggio che destruttura la comune fenomenologia del male. Allora, più che un patto, quella tra Maximilien Aue e il suo lettore diventa una morsa ferale, nella quale “umano” è un aggettivo che smette di essere sinonimo di «generoso, comprensivo, caritatevole, benefico, pietoso» (Sinonimi e contrari, Zanichelli), e diventa un campo conflittuale di possibilità, assai simile al senso ambiguo e inafferrabile dell’aggettivo deinós, che nel primo
stasimo dell’Antigone di Sofocle designa l’uomo come la più spaventosa delle creature.

Scarica l'articolo completo

Fai sul pulsante in basso per scaricare l'articolo completo in formato Acrobat PDF.

Articolo completo

Abbonati alla rivista

Se vuoi abbonarti alla rivista o acquistare la versione cartacea fai clic sul pulsante per accedere alla pagina acquisti e abbonamenti.

Acquisti e abbonamenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *