allegoriaonline.it

rivista semestrale

anno XXXIV - terza serie

numero 85

gennaio/giugno 2022

Anna Baldini – Affabulare la ricerca storica. Su Veronica e il diavolo di Fernanda Alfieri

Un senso di estraneità, curiosità e stupore nell’esplorare un mondo altro che non è il mio.

Quanti di noi hanno sognato di scrivere questo libro? 

E, con “noi”, intendo chi ha provato l’ebbrezza di incappare in un pezzo sorprendente di passato e ha fantasticato di poterlo comunicare, insieme all’entusiasmo della scoperta, liberandosi dal peso dei concetti e infrangendo la norma istitutiva dell’habitus scolastico: tenersi a distanza dall’oggetto inscatolandone la contingenza in un apparato interpretativo astraente e generalizzante. Fernanda Alfieri questo libro l’ha scritto. Si badi bene, però: in Veronica e il diavolo l’autrice si è liberata dal peso dei concetti, non dai concetti. Possiamo anzi provare a nominarli, i problemi e le questioni storiografiche sottesi alla trama. Il libro di Alfieri parla del tramonto burrascoso dell’Ancien Régime, cioè del trapasso violento tra due fasi della modernità: un tema sparpagliato nei capitoli che dettagliano gli effetti delle guerre seguite alla Rivoluzione del 1789, dalle cronache più minute alle grandi trasformazioni antropologiche (gli eserciti francesi portano con sé, per fare un solo esempio, nuove misure del tempo e dello spazio). Un altro nucleo concettuale è la dimensione globalizzata della Chiesa cattolica: la Roma di inizio Ottocento è una città cosmopolita che attrae stranieri da tutta Europa e dalla quale le istituzioni ecclesiastiche comandano e dirigono esistenze transnazionali e transcontinentali, come quella del principale fautore dell’esorcismo di cui si parla nel libro, il gesuita alsaziano François-Antoine Kohlmann, la cui traiettoria biografica spazia dagli estremi orientali dell’Europa agli Stati Uniti. Infine, il modo in cui i documenti raccontano l’esorcismo di Veronica Hamerani mette in luce conflitti di prospettive e un cambiamento di paradigma nella lettura dell’interazione tra fisiologia e psicologia: prospettive divergenti ma comunque accomunate dall’essere il prodotto di sguardi maschili su un corpo femminile.

Abbonati per scaricare il pdf

Per poter scaricare l'articolo completo in formato pdf devi effettuare l'accesso riservato agli abbonati della rivista. Consulta la pagina acquisti e abbonamenti per ultriori informazioni o per abbonarti alla rivista.

Scarica l'articolo completo

Fai sul pulsante in basso per scaricare l'articolo completo in formato Acrobat PDF.

Articolo completo

Abbonati alla rivista

Se vuoi abbonarti alla rivista o acquistare la versione cartacea fai clic sul pulsante per accedere alla pagina acquisti e abbonamenti.

Acquisti e abbonamenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *