allegoriaonline.it

rivista semestrale

anno XXXIII - terza serie

numero 83

gennaio/giugno 2021

Giovanna Vertova – Distretti industriali e multinazionali tascabili. La trasformazione produttiva del Made in Italy (intervista a cura di Daniele Balicco)

Daniele Balicco: Per iniziare la nostra conversazione sulla struttura economica del Made in Italy, le chiederei anzitutto di definire cosa si intenda per Made in Italy all’interno della letteratura economica.

Giovanna Vertova: La letteratura scientifica identifica il Made in Italy con quattro settori industriali. Di solito si parla di quattro “A”: alimentare, arredamento, abbigliamento e automazione (in sostanza il settore dei macchinari, soprattutto macchinari specializzati). Oltre alla definizione di questi settori produttivi, nella maggior parte dei casi la riflessione si concentra sulla dimensione d’impresa: nella letteratura economica quando si parla di Made in Italy ci si riferisce quasi sempre a piccole e medie imprese (PMI), le imprese dei distretti industriali. Il primo studioso a parlare di distretti industriali è stato Alfred Marshall, nell’Inghilterra di fine Ottocento; i suoi studi sono stati ripresi in Italia dopo le due pesanti crisi petrolifere degli anni Settanta, perché a partire da quegli anni nel nostro paese si sono visti crescere agglomerati di PMI coordinate nella produzione di un prodotto. E la specializzazione in molti casi è stata talmente forte che il distretto si è identificato nel prodotto: le pelli di Prato, le ceramiche di Sassuolo, gli occhiali di Belluno…

Scarica l'articolo completo

Fai sul pulsante in basso per scaricare l'articolo completo in formato Acrobat PDF.

Articolo completo

Abbonati alla rivista

Se vuoi abbonarti alla rivista o acquistare la versione cartacea fai clic sul pulsante per accedere alla pagina acquisti e abbonamenti.

Acquisti e abbonamenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *