allegoriaonline.it

rivista semestrale

anno XXXIII - terza serie

numero 83

gennaio/giugno 2021

Richard Carvalho – Smarginatura and Spiragli: Uses of infinity in Ferrante’s Neapolitan Quartet

L’articolo esplora il fenomeno della smarginatura di cui Lila si racconta vittima nella quadrilogia napoletana di Ferrante, e osserva come questa fenomenologia non sia confinata alle singole crisi sofferte da Lila, né alla sola quadrilogia, ma pervada i quattro libri insieme all’intera opera dell’autrice. Alla base di questa fenomenologia c’è la logica dell’irrazionale (inteso in senso matematico) e degli insiemi infiniti, in cui una parte può stare per il tutto, come accade ad esempio nella metonimia, una logica che rovescia quindi il rapporto tra la parte e l’inte­ro, compromettendo i confini che contengono quest’ultimo. Si tratta della logica della retorica, dell’erotismo, nonché delle cinque caratteristiche dell’inconscio freudiano, e dunque della logica del fermento trasformativo.L’irrazionale matematico spiega anche la fenomenologia degli spiragli che si aprono «tra una cosa normale e l’altra», attraverso i quali «il mondo reale» viene a perseguitare Lila, e dentro i quali le persone, inclusa la stessa Lila nel finale, scompaiono misteriosamente. L’articolo mostra come Lila sia non solo la vittima della smargina­tura, ma anche la sua esecutrice e la sua incarnazione – in altre parole la sua personificazione.

This paper explores the phenomenon of smarginatura which Lila describes herself as suffering in Ferrante’s Neapolitan Quartet, and notes that this phenomenology is not confined to the actual bouts of smarginatura suffered by Lila, nor to the Quartet itself, but pervades the whole Quartet and ali of Ferrante’s oeuvre. Underpinning this phenomenology is the logie of the irrational in the mathematical sense, and of infinite sets, where part may stand tor whole, as tor instance in metonymy. lt thus turns part and whole inside out, compromising the containing margins of the whole. This is the logie of rhetoric, of the erotic as well as of Freud’s five characteristics of the unconscious, and as such it is the logie of transformative ferment. The mathematical irrational also explicates the phenomenology of spiragli «between one normai thing and another», through which “the real world” comes to haunt Lila, and into which people, including in the end Lila, mysteriously disappear. The paper shows how Lila is not only the victim of smarginatura, but also its agent and embodiment – its personification.

Scarica l'articolo completo

Fai sul pulsante in basso per scaricare l'articolo completo in formato Acrobat PDF.

Articolo completo

Abbonati alla rivista

Se vuoi abbonarti alla rivista o acquistare la versione cartacea fai clic sul pulsante per accedere alla pagina acquisti e abbonamenti.

Acquisti e abbonamenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *