allegoriaonline.it

rivista semestrale

anno XXXIII - terza serie

numero 83

gennaio/giugno 2021

Raffaele Donnarumma – La macchina dell’oscurità

  • 2666 è una macchina di oscurità. Il romanzo procede per dispersione, ripetizione, incompletezza: anche quando tutto sembra ingranare, i conti non tornano. Lo scrittore Arcimboldi, oggetto delle indagini di cinque critici, compare senza che nessuno di loro l’abbia trovato; i delitti di Santa Teresa, di cui è accusato suo nipote, non hanno un colpevole; le vicende si collegano per analogie enigmatiche. Non esiste alcun senso generale. Eppure, Bolaño non è un nichilista: il narratore cerca la comunione con i suoi personaggi, e difende il valore precario, ma incancellabile, delle loro individualità. La sua saggezza sta in una forma di malinconia che non si arrende all’insensatezza che mette in scena.
  • 2666 is a machinery fuelled by obscurity. The novel expands through dispersion, repetition and incompleteness: even when every piece seems to fit, figures don’t add up. The writer Arcimboldi, target of the investigations of five critics, appears without anyone of them succeeding in finding him; the Santa Teresa crimes, attributed to his nephew, do not have an actual culprit; incidents follow one another according to enigmatic analogies. An overall logic is clearly missing. Yet Bolaño does not come off as a nihilist: the narrator yearns for a communion with his characters, and struggles for their precarious, yet uncontestably worthy individualities. He imparts a melancholic wisdom, which resists the senselessness of the scenario he depicts.

Scarica l'articolo completo

Fai sul pulsante in basso per scaricare l'articolo completo in formato Acrobat PDF.

Articolo completo

Abbonati alla rivista

Se vuoi abbonarti alla rivista o acquistare la versione cartacea fai clic sul pulsante per accedere alla pagina acquisti e abbonamenti.

Acquisti e abbonamenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *