Informativa sull'utilizzo dei cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Accetto

Raffaele Donnarumma - Gli immoralisti. Narrativa contemporanea ed etica

Sotto il nome di immoralisti, questa sezione di «allegoria» riflette su tre scrittori che hanno fatto discutere sui limiti e sulla legittimità della narrazione giudicata con il metro della morale: casi letterari, dunque, in cui il comune sentire (una nozione problematica, su cui torneremo), è stato non semplicemente ignorato, per amoralità, ma deliberatamente colpito  offeso. 

Leggi tutto

Tiziana de Rogatis - Realismo stregato e genealogia femminile in Menzogna e sortilegio

Scopo di questo saggio è dimostrare che il realismo stregato è una chiave di lettura centrale per interpretare Menzogna e sortilegio. Il realismo stregato ha una straordinaria capacità prensile e inclusiva verso il reale e i suoi intrecci, perché racconta una totalità a partire dal basso: dalla prospettiva psichica e metaforica di un universo femminile psichicamente e/o socialmente subalterno, e tuttavia mosso da una potente vitalità e aspirazione al dominio.

Leggi tutto

Desmond Manderson - Questioning the Sense of an Interconnection: Law and Literature from its Origins until Today

Il professor Desmond Manderson insegna presso la Australian National University di Canberra. È un punto di riferimento a livello internazionale per gli studi interdisciplinari sul diritto, in particolare per quanto riguarda il rapporto fra diritto e scienze umane. Il suo lavoro è considerato tra i fondamentali approcci interdisciplinari alla questione della normatività giuridica.

Leggi tutto

allegoria80

Solo la letteratura poteva mettere a nudo il gioco della trasgressione della legge – senza la quale la legge non avrebbe fine – indipendentemente da un ordine da creare. La letteratura non si può assumere il compito di dare ordine alla necessità collettiva. Non le conviene concludere: «quello che ho detto ci impegna al rispetto fondamentale delle leggi della città»; oppure, come fa il cristianesimo: «quello che ho detto (la tragedia del Vangelo) ci impegna nella via del Bene» (cioè, di fatto, della ragione). La letteratura è anche, come la trasgressione della legge morale, un pericolo. 

Essendo inorganica, è irresponsabile. Niente poggia su di essa. Può dire tutto.

Georges Bataille, La letteratura e il male 

 

Il Tema

Teoria e critica

Il Presente

Tremila battute